La Conservazione dell’immenso patrimonio artistico e culturale italiano.

L’Italia possiede il più ampio patrimonio culturale a livello mondiale con oltre 3.400 musei, circa 2.100 aree e parchi archeologici e 51 siti Unesco. Questo significa che è stata in grado, negli anni, di preservarlo e conservarlo meglio di tutti gli altri paesi del mondo.

Purtroppo gli italiani hanno l’odioso difetto di mettere in evidenza solo i loro aspetti peggiori.

La notizia del muro crollato a Pompei ha riempito le pagine dei giornali mentre vengono taciuti gli accurati e pazienti lavori di restauro svolti costantemente per conservare o riportare alla luce le  innumerevoli opere d’arte e monumenti antichi che costituiscono il patrimonio italiano.
Occorrerebbe iniettare un po’ di autostima negli italiani per renderli consapevoli dell’enorme ricchezza che il nostro paese ha ereditato e che mantiene con amore.
Dovremmo essere orgogliosi di possedere tutto ciò che il mondo ci invidia.

Ecco solo alcuni esempi dei lavori di restauro svolti recentemente:

  • Galleria dei Carracci interamente restaurata per la prima volta nella sua storia; ci sono voluti 18 mesi di lavori e un restauro delicato e rispettoso, condotto con un rigore scientifico costante, frutto di un lavoro di squadra franco-italiano sotto l’egida dell’Ambasciata di Francia e del Ministero Italiano dei Beni Culturali.
  • Piramide Di Caio Cestio a Roma: completato il restauro, un caso esemplare di collaborazione pubblico-privato.
  • Pompei: svelate 6 nuove Domus;
  • Pompei: Domus del Criptoportico: consegnato il primo cantiere di lavoro.
  • Pompei: Casa della Fontana Piccola: concluso il restauro del Dipinto murale raffigurante una scena di paesaggio marittimo, dopo circa tre mesi di lavori.
  • Firenze, Galleria dell’Accademia: restaurato il modello in “terra cruda” del Ratto delle Sabine di Giambologna
  • La Madonna del Mantegna: il ritorno a Bergamo dopo il restauro
  • Orsanmichele: restaurato il tabernacolo di Donatello per il San Giorgio
  • L’Elefantino di Piazza della Minerva: riconsegnato alla pubblica fruizione dopo un restauro integrale durato circa sei mesi.
  • Restauro del Pulpito Istoriato “detto di Dante” della seconda metà XII secolo.
  • Restauro del ciclo di affreschi giotteschi nel tiburio dell’Abbazia di Chiaravalle dopo anni di lavoro; intervento inserito nell’ambito di Restituzioni, collaudato programma di restauri di opere appartenenti al patrimonio artistico del Paese.
  • Giotto in Santa Croce: lo straordinario risultato delle indagini alle pitture murali nella Cappella Peruzzi cambierà il corso degli studi sul maestro
  • Restauro della statua della Madonna dei Poveri.
  • Giotto e la Cappella Scrovegni: restauro dei dipinti murali
  • Problemi di conservazione delle armi antiche: sono state affrontate le problematiche connesse alla conservazione in museo delle armi antiche, alla loro manutenzione e al loro restauro.
  • Conclusione del restauro dei dipinti murali della Cappella Pisani nella Chiesa di San Nicolò dei Tolentini
  • Torna a risplendere la Madonna col Bambino della bottega di Pietro Lorenzetti
  • Tivoli: Inaugurazione del restauro della Fontana del Bicchierone.
  • Restauro della Chiesa di San Carlino alle Quattro Fontane a Roma, portato a compimento dalla Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio di Roma.
  • Restauri e valorizzazione della Cattedrale di Anagni: grazie alla sinergia del Capitolo della Cattedrale di Anagni e della Soprintendenza per i Beni Architettonici e per il Paesaggio del Lazio .
  • Il Cristo del Baronio recuperato: analisi dello stato dell’opera prima e dopo il nuovo restauro.
  • Tribuna degli Uffizi: restauro e nuovo ordinamento: il museo più antico d’Europa,
  • Restauro e musealizzazione della barca di Ercolano: conclusione della prima fase del restauro della barca romana rinvenuta a Ercolano sull’antica spiaggia.
  • Presentato a Napoli il restauro della grande opera di Luca Giordano “”, realizzato dalla Fondazione CittàItalia.
  • La Stele Daunia restaurata: il restauro a tempo di record della stele rinvenuta a Cattolica il 22 settembre 2007
  • Museo Archeologico Nazionale di Adria: apre la nuova sezione romana: sono serviti sette anni di lavoro, ed ingenti investimenti.
  • Il Restauro e la ristrutturazione del Teatro San Carlo: il più antico teatro d’opera in Europa (fu edificato nel lontano 1737), dopo 5 mesi di lavori.
  • Conclusi i lavori di restauro della Fontana dei Quattro Fiumi: uno dei monumenti simbolo della città di Roma.
  • Restauro del David di Donatello presso il Museo Nazionale del Bargello: restauro iniziato nel 2007 eseguito sotto la direzione del Museo, in un cantiere appositamente allestito.
  • Il restauro del portale marmoreo denominato “Del Paradiso” del Complesso di Santo Spirito in Sassia
  • Completato il restauro del dipinto di Raffaello “La Fornarina“: conservata nella Galleria Nazionale d’Arte Antica di Palazzo Barberini a Roma.
  • Roma: nuova scoperta nella Chiesa dell’Ara Coeli: durante il restauro, sono affiorati splendidi e sconosciuti affreschi tardomedievali.
  • Leonardo da Vinci: il Cenacolo: nel maggio del 1999 si è concluso uno dei restauri più complessi degli ultimi decenni: l’Ultima Cena di Leonardo da Vinci.
  • Roma: Villa dei Quintili: ha aperto le sue porte ai visitatori una straordinaria villa romana sconosciuta al pubblico fino al giugno del 2000.
  • Restituiti al pubblico gli affreschi del ciclo “La leggenda della Vera Croce” in San Francesco ad Arezzo.
  • Gli affreschi restaurati nel Duomo di Prato. “Filippo Lippi: genio e passione” : uno dei grandi capolavori del Rinascimento
  • Ultimato il restauro dell‘Apollo di Veio a Villa Giulia: intervento durato sei mesi
  • Parco Villa Gregoriana a Tivoli: conclusa la seconda fase di restauri.
  • Restauri delle sale Adrianeo e Festoni nell’appartamento Farnesiano di Castel Sant’Angelo
  • Apollo ed Eracle di Veio: dopo un lungo e complesso restauro durato quasi quattro anni e costato 110mila euro, torna a farsi ammirare nella Sala delle Arti e delle Scienze al piano nobile di Villa Giulia a Roma.
  • La Venaria Reale e la sua Reggia: un progetto durato dieci anni e fondi per duecento milioni di euro sono serviti al recupero della Reggia di Venaria Reale, nei pressi di Torino.
  • Pisa: Torre e Campanile del Duomo: restauro delle superfici lapidee e allestimenti degli ambienti interni;  i lavori sono diretti dall’Istituto Centrale per il Restauro.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...