L’ENTUSIASMO ACRITICO E UN PO’ PROVINCIALE DEGLI ITALIANI VERSO TUTTO CIÒ CHE È STRANIERO

  Il presidente francese Macron difende gli interessi nazionali, nascondendo le responsabilità sulla Libia. Su migranti e Fincantieri sta giocando all’attacco. La storia dei rapporti industriali e finanziari fra Italia e Francia del resto si ripete e, come spesso accaduto, a senso unico, cioè nel senso del capitalismo come lo insegnano a Parigi. Prima vengono interessi…

Il referendum della discordia (e della paura)

Ho letto tutti gli articoli della riforma e credo che possa recare un cambiamento utile. Io cerco sempre quello che può essere meglio per il mio paese. Sono stata educata così. Sono convinta che il Parlamento bicamerale poteva essere necessario in un particolare momento storico, dopo guerra e dittatura, ma oggi è diventato solo un impedimento che…

Referendum Trivellazioni

Ma a nessuno sembra strano che dall’assassinio di Mattei in poi a l’Italia non è stato più consentito di svincolarsi dalla dipendenza energetica da altri paesi? Ogni volta che l’Italia ha qualche progetto per rendersi autonoma nascono “spontaneamente” comitati contro il nucleare, contro le trivelle, contro le pale eoliche, contro il biogas. Alla gente viene fatto…

Immigrazione e gruppi di potere

  E’ naturalmente doveroso essere solidali con i profughi che fuggono da guerre, dittature e miseria. Sono vittime di politiche sconsiderate che hanno devastato e destabilizzato l’Africa e il Medio Oriente per favorire sordidi giochi di potere e per consentire ad oligarchi e potentati senza scrupoli di trarne profitto. Ora, gli stessi governanti che hanno…

Il disastroso dogma dell’austerità

  Da anni ormai ci sentiamo ripetere che l‘elevato debito pubblico italiano è “insostenibile” e che costituisce un problema cruciale per l’economia del paese, per cui occorre fronteggiarlo con misure drastiche per evitare la bancarotta. Tecnocrati e politici arrivano persino a sostenere che un ulteriore accrescimento del debito pubblico andrebbe a gravare sulle generazioni future e che le…

IL PARTITO CHE VORREI

Per poter definire il partito che vorremmo credo che dovremmo prima chiederci qual è il paese che vorremmo. Come vediamo l’Italia tra 5, 10, 20 anni? Di solito, partiti e governi, nei loro programmi, si limitano ad affrontare la situazione contingente, a tappare le falle, a tamponare le emergenze, a prevedere riforme da attuare nell’ambito…

MA LA GIOVINEZZA È DAVVERO UN ATOUT?

“Il Governo Renzi è il più giovane della storia” titolano con toni entusiastici i giornali di tutta Italia. E di rimando un lettore commenta: “potremmo scegliere i ministri tra i liceali e batteremmo questo “record”! Ma che ci importa dell’età, l’essenziale è che sappiano fare il loro lavoro”. Oggigiorno, l’idea che la giovinezza sia un…