CORONAVIRUS: continuo ad interrogarmi e a non trovare risposte

 

Il coronavirus è un’influenza e come ogni influenza può portare complicanze di tipo respiratorio e bronchiale ed evolvere in polmonite, specie nei soggetti più deboli o immunodepressi.

Dall’inizio dell’anno l’influenza stagionale ha colpito più di 2 milioni di persone nel nostro Paese. Durante la scorsa settimana la mortalità per influenza è stata di 217 decessi al giorno. Eppure nessun amministratore si è sognato di sottoporre a lock down le città dove erano presenti focolai o di mettere in quarantena chi era stato in contatto con i malati.

L’anno scorso, solo negli Stati Uniti sono morte 600.000 – seicentomila persone – a causa di complicanze derivanti dalla comune influenza.

Il coronavirus conta ad oggi in Italia 76 e contagiati e 1 decesso, nondimeno 10 comuni hanno sospeso ogni attività, dalle scuole agli esercizi commerciali, vietando persino ai treni di fermare in quelle stazioni.

I media annunciano ogni giorno il numero di contagiati come se fossero condannati a morte certa. Si susseguono proclami di politici ed esperti i quali affermano che la diffusione del virus deve essere fermata ad ogni costo.

Ne deriva una psicosi collettiva che porta le popolazioni a temere il coronavirus come se si trattasse di ebola o dengue, quelle sì malattie terribili che portano a morte quasi certa e per giunta atroce.

Infatti, tutti i film apocalittici che affrontano il tema delle pandemie, come “virus letale” ad esempio, dipingono epidemie di virus che portano febbre emorragiche, con malati che sputano sangue e non sopravvivono.

Oggi sembra di vivere in uno di quei film ma la malattia che incute tanto terrore nel mondo è una influenza dalla quale la maggior parte dei malati guarisce in pochi giorni, ed alcuni non presentano nemmeno i sintomi.

In internet circolano video informativi dal titolo “perché il coronavirus fa paura” – segno che in molti se lo chiedono – ma l’unica risposta è che “è molto contagioso” ribadendo tuttavia che non si tratta di un virus letale.

Quindi che sta accadendo?

Perché tutti i governi del mondo adottano misure drastiche di contenimento nel tentativo, ovviamente vano, di impedire la diffusione del virus?

Ci sono informazioni di cui dispongono le autorità che non ci comunicano per non suscitare ulteriore panico nelle popolazioni?

La maggior parte della gente lo crede, evidentemente. Come giustificare altrimenti tale allarme mondiale?

Il popolo è portato a pensare che se i governanti tengono nascosti i rischi connessi con la malattia deve essere più temibile di quanto dicono i media. E l’impressione di essere tenuti all’oscuro della reale pericolosità del virus aumenta la tensione.

E se invece si trattasse proprio di quello che sembra?

Cioè di una influenza più contagiosa delle altre ma poco pericolosa e scarsamente letale?  Come interpretare in questo caso le misure imponenti messe in atto da tutti i governi del mondo?

Solo il tempo potrà darci risposte a questi quesiti.

Intervista a Bertolaso, ex capo della Protezione Civile:

Bertolaso: rispetto alle pandemie africane, che differenza c’è con quello che sta accadendo in Italia?

“C’è un abisso! Qui parliamo di una patologia respiratoria con possibili danni polmonari per gli anziani, ma blandi per adulti sani e anche bambini. L’epidemia di Ebola ha ucciso migliaia di persone in poche settimane, ho visto morire donne, bambini, adulti per strada coperti di sangue, di bava e di escrementi. Una strage, un inferno. Il virus dell’ebola rispetto al Coronavirus è mille volte più letale, micidiale. Quelli che oggi pontificano o scrivono di epidemie e virus da dietro la scrivania, si sono ben guardati dall’andare in africa a Capire cosa significhi una contaminazione virale seria e davvero mortale con capacità di contagio istantanee tramite qualsiasi fluido o contatto”.

Screenshot_20200223-115440

Coronavirus non letale

 

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...